L'albo illustrato come strumento didattico

Corso di Formazione

Educare allo sguardo in un’epoca in cui il visivo è di così grande impatto, ripartire dall’albo illustrato per riappropriarsi di un linguaggio altro, esplorare il rapporto immagine testo,
considerare l’illustrazione uno strumento narrativo.
Questo è ciò che si prefigge il corso di formazione per insegnanti di qualsiasi ordine, (di ruolo e non), educatori e appassionati,  organizzato con
l’ausilio del Fondo Sergio Silva Libri Illustrati di proprietà dell’IC Salvo d’Acquisto,  in collaborazione con Bibliomondo Famiglie Volontarie Aps e l’associazione culturale Un posto dove ci piove dentro. Il corso, con inizio il 18 Gennaio e termine il 4 Aprile, si articola in moduli formativi di tre ore con cadenza bimensile; la partecipazione è completamente gratuita grazie al contributo di Fondazione CariParma.

Articoli

I Libri Persiani

La parte persiana del Fondo Sergio Silva Libri Illustrati è composta da venti albi per bambini ed adolescenti, tutti pubblicati in Iran tra il 1972 ed il 1981.

Questa frazione del fondo risulta particolarmente significativa almeno per due motivi precisi, l’uno artistico, l’altro storico.

Dalla seconda metà degli anni 60 infatti la produzione di libri illustrati per l’infanzia raggiunge quello che i maggiori studiosi dell’argomento, Mohammad Hadi Mohammadi e Sara Ghaeni definiscono “l’epoca d’oro” di questo genere, nella quale un’intera generazione di artisti di prim’ordine fu messa in condizione di produrre opere ed illustrazioni di altissima qualità.

Per quanto riguarda la storia invece il decennio di pubblicazione di questi albi coincide con un periodo critico per la storia persiana: è infatti in questi due lustri che le contraddizioni prodotte dalla dinastia Pahlavi prima cominciano a manifestarsi in maniera esplicita, e successivamente esplodono fragorosamente, spianando la strada alla rivoluzione iraniana (1979) e alla successiva instaurazione della Repubblica Islamica.

Sfogliando dunque pagina dopo pagina questi venti albi persiani, oltre allo stupore quasi inevitabile che deriva dalla visione dei disegni di artisti come Ali Akbar Sadeghi, Nikzad Najumi, Bahman Dadkhave e Nefiseh Riahi, al lettore vengono offerti tutta una serie di narrazioni, simboli, codici e significati molto profondi, espressione diretta della “fase storica critica” in cui sono stati prodotti.

Opere grafiche di altissimo livello e documenti storici concreti, questi libri in sostanza sono in grado di affascinare ed avvolgere il lettore appassionato di letteratura per l’infanzia, così come l’iranista, lo studioso dell’illustrazione orientale o il “semplice” bibliofilo: per tutti rappresentano un piccolo tesoro, dal quale estrarre il gioiello che più aggrada e piace.

Giochiamo con i Mellops!

Nel 1957 il ventiseienne Tomi Ungerer, arrivato da poco a New York, conosce Ursula Nordstrom, importante editor di libri per bambini della casa editrice Harper and Row:  grazie a questo incontro, lo stesso anno, viene pubblicato Mellops Go Flying, il primo di tanti libri per bambini scritti e illustrati da Ungerer.

La serie dei Mellops viene completata dall’autore negli anni successivi e ha un immediato ed enorme successo arrivando a vincere numerosi premi.

Il Fondo Sergio Silva libri illustrati è di proprietà dell’I.C. Salvo d’Acquisto di Parma

Con la cura di Bibliomondo famiglie volontarie aps

In collaborazione con Un posto dove ci piove dentro

Il sito è stato realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariparma.